Attività clinica

Ad esclusione della neuropatologia di cui si osservano solo rari e sporadici reperti, tutti i settori tematici sono rappresentati; l’attività autoptica è limitata ai riscontri diagnostici, essendo presente un servizio di medicina legale; l’attività di diagnostica citologica, oltre al settore urinario, comprende un settore di prevenzione (pap test in parte allestiti con la metodica dello strato sottile) ed un settore cito-aspirativo, con sedute per ago-aspirati / agobiopsie sotto guida TC.

Tecnologie

Collegato al Progetto 5000genomi@VdA vi è la cessione in comodato d’uso gratuito di un digitalizzatore di immagini, uno scanner in grado di ricavare dal vetrino cito-istologico un’immagine digitale. Ciò consentirà la creazione di un archivio digitale dei casi esaminati, senza peraltro dismettere l’archivio dei blocchetti di inclusione e dei vetrini, così come disciplinato dalle normative in atto. Il progetto di digitalizzazione tuttavia riveste in prospettiva futura una grande importanza per l’impulso che potrebbe dare allo scambio di immagini ed informazioni con altri servizi dotati della medesima tecnologia e per facilitare consulti a distanza. Altra apparecchiatura di recente acquisizione è il sistema per la preparazione di vetrini citologici con la metodica dello strato sottile; esso viene utilizzato non solo per i pap test ma anche per i citologici urinari ed i versamenti. L’immunocoloratore impiegato, oltre alla vasta gamma di marcatori in grado di coprire i diversi settori diagnostici, è in grado di effettuare in CISH reazioni per HER2, EBER, catene kappa e catene lambda.

Attività scientifica
e ricerca

All’anatomopatologo è richiesto un continuo aggiornamento delle sue conoscenze scientifiche, con lo studio personale, la documentata partecipazione a corsi e convegni di studio, il continuo confronto con colleghi di altri centri, la attiva partecipazione a commissioni oncologiche , epidemiologiche, di studio e ricerca ecc. Dal 2019 è in atto una convenzione con l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (ITT) avente come scopo un progetto di ricerca denominato “Progetto 5000genomi@VdA”; lo scopo è quello di effettuare analisi cromosomiche selettive su pazienti affetti da neoplasia; la struttura è coinvolta in questa attività fornendo tessuti rappresentativi delle neoplasia prelevati in corso di intervento chirurgico; i risultati saranno poi discussi collegialmente.

Collaborazioni

La disciplina della Anatomia Patologica è parte integrante ed essenziale della Medicina Clinica, particolarmente di quella ospedaliera, alla quale consente, in una grande percentuale di casi, di giungere a diagnosi per quanto possibile rigorosamente certe. Inoltre, la Struttura è in grado di accogliere tecnici di Anatomia Patologica o medici per periodi di insegnamento e tirocinio pratico.

Il modello organizzativo in atto non si discosta da quelli in atto presso altri servizi; i dirigenti medici, oltre a svolgere attività diagnostica isto-citologica, partecipano ad attività di pronta disponibilità, alternandosi con i collegi della medicina legale; tale attività è esclusivamente correlata alla composizione di commissioni per il prelievo di organi. Il personale tecnico svolge le mansioni alternandosi nei diversi settori, campionamernto, taglio, citologia, immunoistochimica.

Certificazioni e
partnership

La S.C. Analisi Cliniche partecipa a diversi gruppi di studio, collabora con le Università, aderisce a programmi di Verifica Esterna di Qualità e presenta annualmente contributi (relazioni e/o poster) a eventi scientifici a livello nazionale. Tra questi si segnalano: la partecipazione agli incontri formativi e la produzione di lavori scientifici in collaborazione con la Rete Oncologica Piemonte e Valle d’Aosta; il gruppo tecnico per il morbo celiaco e le malattie metaboliche ereditarie e la Commissione tecnica per l’elaborazione, gestione e aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale. Collaborazione con le Università degli Studi di Torino e Pavia nella stesura di tesi sperimentali di laureandi e specializzandi, in particolare con: Corso di Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico dell’Università di Torino; Corso di Laurea in Scienze Biologiche dell’Università di Torino; Scuola di specializzazione in Biochimica Clinica dell’Università di Pavia; Scuola di specializzazione in Biochimica Clinica dell’Università di Torino; Scuola di specializzazione in Patologia generale della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell”Università degli Studi di Torino. Partecipa inoltre a vari gruppi di studio SIPMeL (Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio) e SIBioC (Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica).

Dipartimenti